Categorie

“ON THE MOVE” Elena Cutolo
Design The Italian Excellence
nuovo progetto espositivo
Published: February 16th, 2017

“Elena Cutolo ON THE MOVE”
Progetto Design The Italian Excellence
a cura di Vincenzo Basile (BasileArteco) per Baglioni Hotels Group
Baglioni Hotel Carlton Milano
Febbraio/Marzo/Aprile 2017

Per due mesi Febbraio e Marzo e fino al prossimo Salone del Mobile di Aprile è in scena un’altro capitolo del progetto DESIGN THE ITALIAN EXCELLENCE, le esposizioni di selezionati oggetti di design italiano al Baglioni.

Una selezione di vasi e oggetti in Limited Edition, pezzi unici e prototipi realizzati in diversi materiali e forme che rappresentano al meglio la ricerca di Elena Cutolo designer, architetto italiana.
Questa giovane e affermata progettista per dieci anni ha lavorato alla Sottsass Associati ed in quel periodo per sei anni è stata a fianco del Maestro Ettore Sottsass per i suoi progetti di design degli oggetti.
Un’esperienza di vita e professionale unica che l’ha portata a sviluppare una capacità personale di ricerca e frequentazioni con il mondo dell’artigianato di eccellenza e della produzione di serie limitate.

La mostra ospiterà anche in esclusiva i sei vasi in alluminio della collezione Festa Mobile, nata nel 2014 dalla collaborazione dell’Editore Valentina Fontana di “altre forme” con la designer Elena Cutolo, scaturiti dalle idee di una donna e concretizzati dal know how di un’altra, i vasi Festa Mobile sono un fantastico esempio di creatività tutta al femminile in cui entrambe hanno saputo coniugare perfettamente materia prima, forme e colori.
Rigorosamente Made in Italy, ciascuno dei sei coloratissimi vasi della collezione Festa Mobile è dedicato ai locali della Parigi anni Venti frequentati da Ernest Hemingway, autore dell’omonimo romanzo.

L’esposizione di queste creazioni e degli altri progetti in ceramica nella prestigiosa location milanese è quindi un perfetto omaggio al mondo del design italiano femminile, un tema molto attuale celebrato anche dalla mostra “W. Women in Italian Design” ora in corso presso la Triennale di Milano e nella quale la designer è presente con le sue opere.
Progetto a cura di Vincenzo Basile per il Gruppo Baglioni Hotels.

Categories : Eventi, Press
Tags :
“OTHER STORIES”
Research & Production
Design the Italian Excellence
Michele De Lucchi, Francesco Faccin, Alberto Nason, Giorgio Bonaguro
progetto espositivo di Vincenzo Basile
Published: October 28th, 2016


Un altro capitolo del progetto espositivo “DESIGN THE ITALIAN EXCELLENCE” a cura di Vincenzo Basile nella sede del Carlton Baglioni a Milano.
Ricerca e produzione, autori diversi e di diverse generazioni che sviluppano progetti e realizzazioni concrete con realtà e committenze differenti.
La Triennale di Milano con Francesco Faccin committente del bellissimo progetto”Honey Factory” qui esposto il modello originale e prototipo, una microarchitettura per la produzione del miele nei giardini cittadini, una piccola fabbrica per le api per la produzione del miele collocata nel giardino della Triennale in occasione di Expo 2015.
Produzione Privata una realtà unica che fa realizzare da artigiani italiani e commercializza esclusivamente i progetti di design dell’Architetto Michele De Lucchi, una delle prime e più innovative esperienze di Autoproduzione in Italia.
Il marchio recuperato V.Nason & C. di Murano con Alberto Nason che mette in produzione nelle fornaci veneziane le sue ricerche e realizzazioni in vetro soffiato.
Infine il designer Giorgio Bonaguro che qui presenta una sua ricerca progettuale, il portafrutta in vetro borosilicato soffiato a lume “Medusa”, in mostra il prototipo pezzo unico autoprodotto.
Un sottile fio rosso mette in relazione il lavoro molto diverso di tre dei quattro autori selezionati, essere transitati nello studio e atelier dell’Architetto Michele De Lucchi in Via Varese a Milano, per periodi più o meno lunghi, con mansioni, incarichi o posizioni molte diverse, ed aver avuto l’opportunità di esercitare le proprie capacità, sviluppare il proprio lavoro e imparare da un riconosciuto Maestro Italiano del Design Contemporaneo.
Un altro passo alla scoperta dei diversi territori del Design Contemporaneo Italiano e della sua estrema varietà di Autori.

DESIGN THE ITALIAN EXCELLENCE
PROGETTO ESPOSITIVO A CURA DI VINCENZO BASILE (BASILE ARTECO)
“OTHER STORIES” Research & Production
Carlton Hotel Baglioni Milano
Ottobre 2016/Gennaio 2017

Categories : Press
Tags :
UGO LA PIETRA “Ceramics & Tales”
Design The Italian Excellence
progetto espositivo Vincenzo Basile (BasileArteco)
Published: June 19th, 2016


Design the Italian Excellence
UGO LA PIETRA
“Ceramics & Tales”
(Ceramiche e racconti)

Ugo La Pietra, in contemporanea all’allestimento della mostra al Baglioni Hotel Carlton a Milano, ha ricevuto il Premio Compasso d’Oro alla Carriera 2016, un riconoscimento che premia uno dei Maestri del Design Italiano che ha sempre visto nelle collaborazioni con l’alto artigianato e le manifatture d’eccellenza italiane la vera risorsa su cui fondare la ricerca e l’innovazione.
Tradizione, sperimentazione, manifattura d’eccellenza e uno stile italiano che contraddistingue e rende unico il made in Italy nel mondo.

In questa nuova esposizione personale del ciclo “Design the Italian Excellence” sono esposte una selezione di ceramiche realizzate in siti storici italiani, Vietri, Faenza, la Toscana, la Sicilia, Albisola, il Sud dell’Italia, alcune inedite, altre prototipi o pezzi unici, altre ancora in serie limitata, tutte provenienti dallo Studio del designer e di sua proprietà.
Tutti gli oggetti esposti documentano una ricerca sofisticata e allo stesso tempo attenta alle evoluzioni manifatturiere delle più originali tradizioni italiane in questo settore.

I lavori finali sono sempre la sintesi di una collaborazione a quattro mani tra il designer e gli artigiani che insieme sviluppano il prodotto finito partendo da un concept progettuale che si adatta alle tecniche manuali sempre diverse e che sono la continuazione ed evoluzione di tradizioni che hanno radice nella storia dell’alto artigianato italiano.

Ancora una volta una location di Baglioni Hotels è vetrina di un importante appuntamento con un protagonista del mondo del design contemporaneo che ha sviluppato e comunicato con il suo lavoro gli aspetti più salienti e peculiari dell’italianità e della qualità del lavoro intellettuale e artigianale realizzando oggetti unici e senza tempo.

Categories : Eventi, Press
Tags :
UGO LA PIETRA “Ceramics & Tales”
Design The Italian Excellence
progetto espositivo di Vincenzo Basile
Published: June 18th, 2016

Nuova mostra al Carlton Baglioni di Milano
del concept espositivo DESIGN THE ITALIAN EXCELLENCE
per Baglioni Hotels Group Italia.

Categories : News, Press
Tags :
PREMIO COMPASSO D’ORO 2016
ALLA CARRIERA A UGO LA PIETRA
Published: June 17th, 2016


“Creatività, passione, impegno sono cifre distintive del suo percorso, che ha saputo sviluppare con una coerenza mai pigra e spesso autocritica, interpretando nel tempo numerosi ruoli.
Un lavoro costante alla ricerca di valori profondi e non convenzionali del “saper fare” design, anticipatori di tematiche oggi di grande attualità.
Esplora da subito le potenzialità dell’artigianato, approfondendone gli aspetti di relazione con l’industria: studia i rapporti tra individuo e contesto, prefigurando nuovi scenari per la vivibilità degli ambienti urbani.”

Con questa motivazione Ugo La Pietra ha ricevuto il Compasso d’Oro ADI 2016 alla Carriera durante la cerimonia di premiazione che si è svolta il 14 giugno 2016 a Milano in Palazzo Isimbardi.

Categories : News, Press
Tags :
COQUETIER / BASILE ARTECO
esposto alla mostra di Paolo Ulian
“La Leggerezza delle intuizioni”
Published: May 17th, 2016

Mostra personale
“Paolo Ulian: La leggerezza delle intuizioni”
Palazzo Mediceo di Serravezza (Lucca)
Patrimonio Unesco
Dal 30 Aprile 2016 al 29 Maggio 2016

Categories : News, Press
NUOVI ARTIGIANI DIGITALI
& MAKERS – New tools, dai laboratori artigiani alle stampanti 3D printing
Published: May 12th, 2016


Campus di Autoimprenditorialità
“Nuovi Artigiani digitali & Makers”
New tools, dai laboratori artigiani alle stampanti 3D printing.
Corso per nuove imprese, start-up innovative e culture della produzione
Fasi di montaggio e produzione di una stampante 3D Shareboot ed esercitazioni pratiche all’uso.
Progettazione corso, coordinamento e docenza Vincenzo Basile/BASILE ARTECO
Associazione Scuole San Carlo, dal 1848
Febbraio/Maggio 2016

Categories : News, Press
Tags :
PAOLO ULIAN
“La leggerezza delle intuizioni”
Palazzo Mediceo di Seravezza (LU)
Published: April 30th, 2016


“Paolo Ulian. La leggerezza delle intuizioni”
Dal 30 Aprile 2016 al 29 Maggio 2016
Situato ai piedi delle Alpi Apuane e a pochi passi da Pietrasanta, il Palazzo Mediceo di Seravezza, voluto da Cosimo I ed ufficialmente riconosciuto nel 2013 dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità (nel “Sito seriale delle ville e giardini medicei della Toscana”), è da sempre sede di eventi prestigiosi.
Nel rispetto di questa tradizione, dal 30 aprile al 30 maggio, la location ospiterà la rassegna antologica dedicata al famoso designer italiano Paolo Ulian, a cura dell’Associazione Culturale Imaginificat.
Ulian, in questo momento fra i più versatili e importanti designer italiani, è considerato erede e ideale continuatore del fil rouge della creatività che, a partire da Castiglioni, Sottsass, Munari, Mari ha rinnovato, con ironia, versatilità, sensibilità estetica ed anche etica, l’insieme di oggetti che “popolano” il nostro quotidiano. Il suo vaso Vago è stato inserito da Domus nel numero speciale 1000 tra i 100 migliori progetti dal 1928 a oggi. Muovendosi con delicatezza e misura è capace di reinventare oggetti che fanno parte della memoria collettiva, portando a nuova vita materiali poveri e/o di scarto.
A proposito della sua ricerca sul recupero dei materiali, Domitilla Dardi del MAXXI di Roma scrive: “Nessuno come lui oggi in Italia – e forse anche oltre – sa lavorare con lo scarto e trasformarlo in un progetto sublime. Nel farlo egli non si limita a utilizzare il materiale attraverso il riciclo o il riuso, ma sfrutta il taglio del marmo come momento fondamentale del progetto. D’altra parte questa lezione l’ha appresa alla scuola di un grande maestro, Enzo Mari.”
Il suo metodo è fatto di intuizioni ma anche di riflessioni su aspetti legati al contesto sociale, all’etica e alla questione ambientale, il tutto sempre legato alla migliore tradizione artigiana del nostro paese: ne risultano creazioni emozionanti e riconoscibili, riconducibili alla nostra tradizione e nel contempo adeguate ad essere collocate sul mercato internazionale.
Siamo quindi felici, dopo il lavoro di un anno, di vedere finalmente realizzata la manifestazione che deve il suo successo anche al sostegno di alcune tra le più importanti aziende del Made in Italy, tra cui Valcucine Spa, Paola Lenti srl, Schiffini, Vittorio Bonacina, Ceccotticollezioni , Artemide, Roda, Bufalini marmi, Archimek, Le Fablier, Giulio Vanelli Marmi, Sanlorenzoyacht, G.I.A.D.A. srl, Zava, Carraradesignfactory.
Semplicità, naturalezza, pochi orpelli, molta sostanza: l’allestimento guida alla lettura storica e tematica della produzione di Ulian, accompagnando i visitatori in un percorso pieno di sorprese e suggestioni.

Inaugurazione: 30 aprile 2016 alle ore 18
Apertura: giovedì-domenica ore 16-20

ESPOARTE – Contemporary Art magazine, interview by Matteo Galbiati
http://www.espoarte.net/arte/design-etica-sperimentazione-e-rivoluzioni-del-quotidiano-la-voce-di-paolo-ulian/

Categories : News, Press
Tags :
PAOLO ULIAN
“La leggerezza delle intuizioni”
Palazzo Mediceo di Seravezza (LU)
Published: April 30th, 2016

Il Palazzo Mediceo di Seravezza ospita fino al 29 maggio una rassegna antologica dedicata al designer: la sua storia ed evoluzione in 85 pezzi, dagli anni Novanta a oggi.

Se c’è un’etica nel design industriale, Paolo Ulian è uno dei suoi agit prop più agguerriti. Tutta la carriera del designer nato a Massa Carrara nel 1960 è all’insegna della sovversione – creativa ed estetica con ricadute sul sociale -, atteggiamento che a prima vista può non collimare con i fini della produzione su vasta scala e del consumo, ma che in realtà genera oggetti divertenti e ironici che spesso diventano dei must. Anni fa, in un’intervista Ulian dichiarò: «Quando si ha un’intuizione in cui si crede e nella quale si intravede uno scostamento, trasversale o in avanti, rispetto alla realtà, va sempre perseguita, senza troppo domandarsi se quel progetto è di design oppure se è una cosa diversa».
Un pensiero forse più da artista che da disegnatore industriale, ma che spiega il successo delle sue creazioni. E proprio l’intuizione, che nasce sì spontaneamente ma solo da una mente nutrita con abbondanti e continue dosi di conoscenza, è il tema di una rassegna antologica dedicata al designer dal 30 aprile al 29 maggio al Palazzo Mediceo di Seravezza (patrimonio dell’Unesco), a pochi chilometri da Pietrasanta, in provincia di Lucca.

A cura di Elisa Zannoni e dell’Associazione Culturale Imaginificat, la mostra si intitola correttamente La leggerezza delle intuizioni, formula che iscrive a buon diritto Ulian nella corrente creativa che, a partire da Castiglioni, Sottsass, Munari, Mari ha rinnovato (quando non rivoluzionato) con ironia, sensibilità etica ed estetica, l’universo di oggetti che ci circondano. La delicatezza, una delle sue qualità distintive, gli permette di reinventare giocosamente ciò che fa parte della memoria collettiva utilizzando di preferenza materiali poveri e di scarto. Nei suoi progetti la funzione d’uso porta sempre un messaggio emotivo, uno stimolo riconoscibile perché patrimonio di tutti.

Dunque storia ed evoluzione di Paolo Ulian sono ben rappresentate nell’antologica da 85 pezzi dagli anni Novanta a oggi, un itinerario che comprende un po’ di tutto: il coltello da cucina a doppia lama Pane e salame (1999 per Zani&Zani), il Carboard Vase, vaso modellabile di cartone (2009 per Skitsch), il tappetino da bagno Mat-Walk (2004 per Droog Design), il celebre vaso fatto di anelli di marmo di Carrara Vaso Vago (2008 per Upgroup), la lampada Yap (2010) e il vassoio Doily (2011) disegnati entrambi per Danese (che è sponsor della mostra), i fiammiferi a due teste Doublematch (2011) ideati per risparmiare anche pochi millimetri di legno: la dimostrazione che il design può essere carico di bellezza, significati e impegno sociale.

Paolo Ulian. La leggerezza delle intuizioni
Palazzo Mediceo di Seravezza (Lucca)
Dal 30 aprile al 29 maggio

Articolo per La Repubblica.it di fabrizio Filosa
http://design.repubblica.it/2016/04/29/paolo-ulian-la-leggerezza-delle-intuizioni/#1

Categories : News, Press
Tags :

List Page